La SEO è morta? Lunga vita alla SEO!

La SEO è morta? Lunga vita alla SEO!

La Seo è morta è uno di quegli annunci che si sentono spesso online ma è anche uno dei più sbagliati.

Si tratta per certi versi quasi di un dilemma filosofico, ma andiamo per gradi e cerchiamo di analizzare questa materia, partendo dalle basi.

Che cos’è la SEO?

Con SEO (Search Engine Optimization) intendiamo un insieme di strategie e tecniche che hanno l’obiettivo di aumentare la visibilità di un sito web migliorandone la posizione nelle classifiche dei motori di ricerca, nei risultati organici, cioè non a pagamento.

Queste pratiche riguardano diversi aspetti di un sito web:

  • ottimizzazione dell’architettura del sito,
  • ottimizzazione del codice HTML,
  • ottimizzazione dei contenuti,
  • gestione dei link in entrata o backlink,
  • gestione dei link interni o in uscita.

Insomma quando cerchiamo qualcosa sui motori di ricerca, ci aspettiamo di trovare per primi i risultati migliori, cioè quelli più pertinenti con la nostra ricerca. In fondo abbiamo un bisogno da soddisfare.

Obiettivo della SEO quindi è farci trovare da persone che cercano i nostri prodotti e lo si può fare scrivendo contenuti ricchi e pertinenti con le parole con cui vogliamo farci trovare.

Come abbiamo visto nell’articolo Come faccio ad essere primo su Google quando si parla di SEO entrano in gioco tre attori:

  • L’utente che deve soddisfare dei bisogni,
  • Il mio progetto online che deve posizionarsi per le parole chiave giuste,
  • E infine Google che con il suo algoritmo e le sue Serp fa da arbitro.

Questo punto di vista è fondamentale perché non è importante “fare SEO” per il motore di ricerca o per l’intelligenza artificiale che governa il suo algoritmo, bensì per gli utenti, per risolvere i loro problemi.

La chiave di volta sono i contenuti che devono sempre essere utili e rilevanti per gli utenti. E questi contenuti servono per raggiungere gli utenti con l’obiettivo di portarli dove desideri.

Gli utenti sono persone reali in carne e ossa e hanno dei bisogni più o meno evidenti. Se vuoi fare un buon lavoro devi offrire loro valore in modo sostanziale, mirato ed esclusivo rispetto all’offerta di contenuti presente dai tuoi competitor.

La SEO strategica e i contenuti di valore

Naturalmente definiti gli obiettivi di business e ascoltati i problemi che hanno gli utenti e che devi intercettare, il passo successivo è lavorare sulla Keyword Research per andare a intercettare con i contenuti utili e rilevanti questi bisogni.

Analizzando le parole chiave ricercate su Google e i Search Intent cioè l’intento di ricerca si costruiscono appunto i contenuti di valore.

Un contenuto di valore risponde ad alcune domande fondamentali:

  • deve rispondere ai bisogni degli utenti,
  • essere autorevole,
  • citare le fonti,
  • essere facilmente raggiungibile e fruibile.

È possibile fare a meno della SEO?

Oggi non è possibile, la SEO è ovunque in ogni fase di un’attività di marketing sul web.

Esiste una SEO per i social, una per le immagini e una per i video. Inoltre è fondamentale per le attività di Pay per Click su Google Ads, infatti una corretta keyword research è utile sia l’ottimizzazione organica dei contenuti che a pagamento.

Insomma oggi un professionista o un’azienda che vuole trovare clienti online non può più fare a meno della SEO.

Se anche tu vuoi analizzare il tuo sito in ottica SEO e farti trovare dai clienti su Google, compila il form che trovi qui sotto.

Richiedi una consulenza gratuita

Ti contatteremo il prima possibile

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ti consigliamo questi articoli

Vuoi mettere il turbo al tuo business?

Richiedi una consulenza gratuita

Vanguard System Web Agency

Analizza il tuo sito

Scopri com’è posizionato su Google